AREAtusea

Ingresso AREAtusea

SiracusaCalcio.net, il portale dei tifosi aretusei
Rinviato l'incontro tra Comune e U.S. Siracusa PDF Stampa E-mail
SiraNews - Ultime Notizie
Scritto da Antonio Fazzina   
Venerdì 12 Luglio 2013 12:55
E' ancora in standby la situazione relativa alla gestione dello stadio "Nicola De Simone" ed al contenzioso sorto tra il Comune e l'Us Siracusa. Oggi doveva esserci un incontro tra le parti, che però non si è tenuto probabilmente perché il presidente del sodalizio azzurro Luigi Salvoldi si trova ancora fuori sede per impegni lavorativi. Il vicepresidente Marco Mauceri ha ribadito l'intenzione dell'Us Siracusa di non voler danneggiare la neonata società di calcio Sport Club Siracusa sull'utilizzo dello stadio, ma di rimanere ferma sulle posizioni societarie. Ricordiamo che nel bilancio comunale della precedente amministrazione, fu tagliata la voce riguardante il contributo alla società di Salvoldi e Mauceri per la gestione dello stadio. La cifra del contendere si aggira intorno ai 180.000 euro all'anno fino al 2021. 
Il sindaco Giancarlo Garozzo ha confermato la volontà di evitare qualsiasi controversia e di essere favorevole ad una soluzione pacifica. Stessa volontà espressa da Mauceri pur facendo valere i diritti già acquisti dall'Us Siracusa. La settimana prossima, al rientro di Salvoldi in sede, è probabile che la questione si concretizzi con una riunione tra le parti interessate.

Fonte: Emittente Locale Tris
 
Il sopralluogo al Di Bari e l'incontro con Laneri-Baiocco PDF Stampa E-mail
SiraNews - Rassegna Stampa
Scritto da Antonio Fazzina   
Venerdì 12 Luglio 2013 10:00

Si terrà molto probabilmente oggi il preannunciato incontro tra l’amministrazione comunale e l’Unione sportiva Siracusa, che cercheranno di trovare un accordo amichevole per la gestione dello stadio "Nicola De Simone", che dovrebbe essere messo a disposizione dello S.C. Siracusa. «Siamo pronti – dice il vice presidente Marco Mauceri – a fornire la massima collaborazione per non creare ostacoli alla nuova realtà che è nata nei giorni scorsi. Noi ci sentiamo i legittimi gestori dell’impianto, per effetto della convenzione stipulata con il Comune, e fino al termine del campionato scorso abbiamo messo nelle condizioni di giocare al “De Simone” sia la Enzo Grasso che il Città di Siracusa. E tengo a sottolineare che la diatriba con il Comune non siamo stati noi ad iniziarla, ma siamo dispostissimi a chiudere bonariamente la vicenda, a condizione che si trovi una soluzione che non ci danneggi troppo. D’altra parte, il Comune ha a disposizione gli strumenti per toglierci d’autorità la gestione dell’impianto e darla ad altri, ed in questo caso sarebbe poi il Tribunale a decidere. Ci auguriamo che si trovi una soluzione improntata al buon senso ed all'equità». Adesso bisognerà vedere quali saranno le proposte che avanzerà l’amministrazione comunale, e se le stesse verranno giudicate soddisfacenti dalla dirigenza della vecchia società. Ieri puntuale sopralluogo al "Giorgio Di Bari" con i funzionari della commissione impianti della Lega dilettanti. 

Leggi tutto...
 
Chiuse le iscrizioni, presentate 161 domande PDF Stampa E-mail
SiraNews - Ultime Notizie
Scritto da Antonio Fazzina   
Giovedì 11 Luglio 2013 17:42

Alla chiusura dei termini per le iscrizioni eseguite con la procedura on-line, hanno presentato domanda di ammissione al campionato di Serie D 2013/2014 n. 161 società aventi diritto. Non hanno avanzato richiesta le seguenti 5 società: Milazzo, Sporting Terni e Viterbese (che hanno formulato espressa rinuncia), Fermana e Voghera. Entro domani alle ore 14 dovranno essere depositate o dovranno essere spedite alla sede del Dipartimento Interregionale tutte le documentazioni cartacee che poi saranno esaminate dalla Co.Vi.So.D., la quale, entro il 19 luglio, comunicherà alle interessate l'esito dell'istruttoria. Le società che non dovessero risultare in possesso dei requisiti per l'ammissione al campionato possono presentare ricorso avverso la decisione negativa della Co.Vi.So.D. entro il termine perentorio del 23 luglio alle ore 14:00, cui seguirà parere motivato della stessa Co.Vi.So.D., entro il 26 luglio, al Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti cui spetta la decisione ultima sull'ammissione.


 
ESCLUSIVA - Giordano: «Siracusa? Magari l’anno prossimo» PDF Stampa E-mail
SiraNews - Interviste e Opinioni
Scritto da Antonio Fazzina   
Giovedì 11 Luglio 2013 07:39
Abbiamo intervistato Carmine Giordano, ex centrocampista di Trapani e Siracusa. Con la maglia azzurra ha giocato dal 2009 al 2012, totalizzando 54 presenze. Abbiamo parlato dell'esperienza aretusea, della stagione a Trapani, del possibile ritorno a Siracusa, di Cutrufo e del problema stadio. Ecco le sue parole.

Ciao Carmine, grazie per aver accettato. Facciamo un salto nel passato. Quali sono i ricordi più belli e più brutti della stagione 2011-2012? «Sono tantissimi. Dal primo posto a Prato alla vittoria nel derby. Non c’è un periodo bello, per me è un po’ tutta la stagione. Il momento più brutto sono stati i play-off contro il Lanciano. Oltre la danno anche la beffa, la mancata iscrizione».

Secondo te perché non ci siamo iscritti? «Ancora oggi non capisco. Non penso che tutte le colpe sono di Salvoldi. La politica poteva fare di più per salvare il Siracusa perché era un patrimonio della città. Questo mi dispiace per i tifosi perché sono loro che soffrono di più».

Ancora ti senti con gli ex compagni di squadra? Con chi soprattutto? «Si, con tanti. In particolare con Spinelli. Eravamo un gruppo fantastico».

Dopo Siracusa ti sei trasferito a Trapani. Che stagione hai fatto? Che sensazioni hai provato? «Una stagione un po' così così perché ho giocato poco. La sensazione bellissima è stata a Cremona dopo il fischio finale. E’ stato tutto bellissimo, un’emozione stupenda anche perché siamo entrati nella storia».

Leggi tutto...
 
Siracusa, giornata cruciale sul fronte stadio PDF Stampa E-mail
SiraNews - Rassegna Stampa
Scritto da Antonio Fazzina   
Giovedì 11 Luglio 2013 07:31

Mentre si attende di conoscere quante squadre non riusciranno ad iscriversi al campionato di Serie D (il termine scade domani) e quelle che saranno le decisioni della Covisod in ordine alla ammissibilità o meno delle ventiquattro domande di ripescaggio (il verdetto è atteso per lunedì), la dirigenza dello S.C. Siracusa lavora su più fronti, da quello relativo al terreno di gioco all'allargamento della base sociale. Nel pomeriggio di oggi ci sarà un sopralluogo al campo “Giorgio Di Bari” di via Lazio, con la presenza del presidente della commissione nazionale della Lega dilettanti per i campi in erba sintetica Armeri, del geometra Bonfiglio, responsabile dello stesso settore della Lega Sicula, e di un dirigente del Comune. L’obiettivo è ottenere l’agibilità dell’impianto per ospitare partite di campionato fino alla Serie D, e si tratterebbe di un grosso risultato, perché il “Di Bari” potrebbe costituire una soluzione provvisoria in attesa che si risolva il problema relativo alla disponibilità e all'agibilità del “Nicola De Simone”. Ed a proposito di quest’ultimo, per oggi è in programma il preannunciato incontro tra l’amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Giancarlo Garozzo e dall'assessore allo sport Maria Grazia Cavarra, e i dirigenti dell’Unione sportiva Siracusa con il presidente Luigi Salvoldi ed il “vice” Marco Mauceri. Il problema è semplice: l’U.S. Siracusa ebbe in concessione per la durata di dieci anni la gestione del “Nicola De Simone” grazie ad una convenzione stipulata con l’amministrazione comunale. Poi il Comune revocò la concessione, l’U.S. Siracusa ha impugnato il provvedimento di revoca ed è insorto un contenzioso legale tra le due parti. È necessario trovare un accordo che sia soddisfacente per tutti. E nel frattempo si amplia la base societaria. Al gruppo formato da Gaetano Cutrufo, dal dottor Antonello Liuzzo e dai fratelli Giancarlo e Gianfranco De Salvo, ieri si è aggiunto un altro imprenditore, Luigi Attolini, appassionato di calcio e molto vicino alla famiglia Cutrufo.


Articolo di Giuseppe Di Silvestro per la Gazzetta del Sud

 
Comunicazione di Servizio PDF Stampa E-mail
SiraNews - SiraFlash
Scritto da Johnny Giovinazzo   
Mercoledì 10 Luglio 2013 15:06
A causa di una Manutenzione Ordinaria Stagionale, al fine di mantenere e migliorare costantemente il servizio, comunichiamo alla rispettabile utenza che il nostro portale potrebbe essere temporaneamente irraggiungibile nelle prossime 48 ore. Faremo il possibile per mantenere i disagi entro il minimo indispensabile. Grazie per la comprensione. 
 
Nuova figura in società: Luigi Attolini PDF Stampa E-mail
SiraNews - Rassegna Stampa
Scritto da Antonio Fazzina   
Mercoledì 10 Luglio 2013 09:38

Tutta l’attenzione adesso è rivolta alla Covisod. L’organo di controllo sulle istanze presentate alla Lega nazionale dilettanti si pronuncerà entro lunedì e solo fra qualche giorno il nuovo Siracusa saprà se potrà cominciare ad allestire una squadra di Serie D o di Eccellenza (perché l’ufficialità arriverà solo a fine mese). «Ma qualora dovesse non rientrare tra le possibili ripescate - ha voluto precisare Cutrufo - non sarà per questioni di illecito sportivo come purtroppo ho sentito e letto in giro. Alle volte si parla solo per fare “terrorismo” e questo non è giusto se non si hanno riscontri precisi». Concetto ribadito poi dal segretario Paolo Bonaiuto che pochi giorni fa aveva già ricevuto l’ok dagli uffici della Lega nazionale dilettanti a Roma al momento dell’istanza della domanda di ripescaggio: «Non c’è alcuna anomalia nella documentazione presentata - ha detto Bonaiuto - e quando si è fatto riferimento a presunti illeciti del Palazzolo nella stagione 2009-10 in Serie D, aggiungo che la penalizzazione di due punti che scontammo nel campionato successivo fu per “responsabilità presunta” che non è affatto “illecito sportivo”. C’è una bella differenza - ha aggiunto il segretario - come disciplinato dal Codice di giustizia sportiva, per cui da questo punto di vista non si rischia nulla». E allora sarà oramai questione di giorni. Durante i quali la nuova dirigenza lavorerà intensamente per far quadrare ogni cosa («speriamo che si definisca anche la questione dello stadio», ha detto Cutrufo) e si avvarrà anche di una nuova figura, il siracusano Luigi Attolini, da sempre appassionato di calcio ma mai impegnato in maniera così diretta con una società sportiva. È pronto per cominciare questa nuova avventura.


Articolo di Manuel Bisceglie per La Sicilia

 
Sporting Club Siracusa: presentati società e progetto PDF Stampa E-mail
SiraNews - Ultime Notizie
Scritto da Antonio Fazzina   
Martedì 09 Luglio 2013 11:05

Questa mattina si è svolta la conferenza stampa di presentazione del progetto calcio a Siracusa.

Ecco le parole di Gaetano Cutrufo:

«Buongiorno a tutti e grazie per la vostra presenza. Lo scopo di questa conferenza stampa, che per noi è la prima, è quello di far conoscere l’organico della nuova società S.C. Siracusa. Abbiamo Giancarlo De Salvo (vicepresidente attuale), poi il fratello Gianfranco, io sono il presidente, il nostro assessore allo sport, il dottor Liuzzo (vicepresidente) e Paolo Bonaiuto (segretario). Non abbiamo ancora stabilito, come vedete, chi deve gestire la parte tecnica e quindi tutto lo staff tecnico, perché attendiamo l’esito del ripescaggio. A proposito di questo, vi voglio delucidare sui fatti che stanno accadendo in questi giorni. Noi abbiamo presentato domanda di ripescaggio dopo aver fatto cambio di sede e cambio di denominazione dell'Ac Palazzolo. Entrambi hanno avuto esito positivo a Palermo. Abbiamo già ricevuto la lettera della Lega Sicula, la quale ha accolto la nostra richiesta e quindi Ac Palazzolo sarà Sporting Club Siracusa con sede a Siracusa in Viale Scala Greca. Quindi qualora dovessimo essere ripescati o comunque se partecipiamo al campionato di Eccellenza, parteciperà Siracusa e non Palazzolo. Dopodiché abbiamo presentato domanda di ripescaggio. Questa settimana è al vaglio della Covisod, quindi lunedì sapremo delle 24 squadre, che hanno presentato domanda di ripescaggio, chi ha i requisiti per poter partecipare ad una graduatoria. La prossima settimana sarà stilata quindi una graduatoria con il punteggio assegnato ad ogni squadra in funzione a dei requisiti richiesti. Noi speriamo di essere fra le prime dieci. Se così dovesse essere, presumo che, avendo un po’ di ottimismo, potremmo essere in Serie D

Leggi tutto...
 
ESCLUSIVA - Calabrese: «Nuova società? Siamo in buone mani» PDF Stampa E-mail
SiraNews - Interviste e Opinioni
Scritto da Antonio Fazzina   
Martedì 09 Luglio 2013 06:31

Abbiamo intervistato Gigi Calabrese, calciatore ex Palazzolo e Siracusa. Con la maglia azzurra ha giocato dal 2002 al 2005 e nella stagione 2011-2012. Ha totalizzato 73 presenze e ha realizzato 2 gol. Abbiamo parlato della stagione passata a Siracusa, della nuova società di Cutrufo, del problema stadio e del futuro. Ecco le sue parole.

- Gigi, ci racconti le gioie e le delusioni vissute nella stagione 2011-2012 con la maglia del Siracusa? «Emozione indescrivibile. Vivere quella stagione in prima persona con la squadra della mia città, credo sia stato un sogno. Il rientro in città dopo la partita di Prato ed il primo posto, con la gente che ci aspettava di notte allo stadio, mi fa venire ancora la pelle d'oca. Peccato che sia finita nel peggiore delle ipotesi».

- Secondo te perché non ci siamo iscritti? «Purtroppo il momento di crisi ha toccato un po' tutti, ma credetemi io conosco benissimo il presidente Salvoldi, ha fatto di tutto per salvare il salvabile, ma qualcosa non è andata come doveva. Lui è stato uno che non ha mai gettato la spugna, oggi viene criticato per quello che ha fatto in negativo, ma di cose buone ne ha fatto molto di più. Ricordiamoci che se abbiamo vissuto quel sogno è stato grazie a lui. Comunque qualcuno non ha voluto aiutarlo».

- Hai ancora contatti con gli ex compagni di squadra? «Si certo. Mi sento con Ignoffo, Giordano, Spinelli, Fernandez, Strigari, Fornoni, un po' tutti dai».

- Immagino hai sentito parlare della nuova società fondata da Cutrufo e Liuzzo. Cosa ne pensi in generale? «Beh, conosco benissimo tutti e due. Sono persone serie con esperienza in questo settore. Già il fatto che stanno cercando di creare qualcosa nella nostra città è da apprezzare. Speriamo si concretizzi, perché Siracusa ed i siracusani non meritano tutto ciò che è successo. Siamo in buone mani».

Leggi tutto...
 
Sport Club Siracusa, è arrivato il giorno della presentazione PDF Stampa E-mail
SiraNews - Rassegna Stampa
Scritto da Antonio Fazzina   
Martedì 09 Luglio 2013 06:24

Cambiano ancora sede ed ora della conferenza stampa di presentazione dello Sport Club Siracusa. L’incontro con la stampa si terrà oggi alle 10,30 presso la Sala Archimede del palazzo municipale, e non più alle 12 presso un albergo cittadino. 

- Con l’occasione presenterete direttore sportivo e allenatore? «Per niente – risponde il presidente Gaetano Cutrufo –. Per parlare di nomi bisognerà attendere almeno fino alla metà della prossima settimana. Domani (oggi per chi legge, n.d.c.) ci presenteremo come società, diremo chi siamo e quali sono i nostri programmi a breve ed a lunga scadenza». 

- Che ci sarà di nuovo alla metà della prossima settimana? «Diciamo che avremo le idee molto più chiare su quale campionato andremo a militare. È vero che l’ufficializzazione dei ripescaggi in Serie D avverrà alla fine del mese, ma intorno alla metà di luglio ci saranno gli elementi per una valutazione attendibile. Anzitutto, il giorno 12 si conoscerà quali squadre si saranno iscritte e quali no alla Serie D; nel frattempo, la Covisod avrà esaminato le ventiquattro richieste di ripescaggio pervenute nei termini, e dirà quali richieste possono essere accolte e quali no. Insomma, comincerà a delinearsi un quadro abbastanza chiaro della possibile graduatoria. E se ci troveremo ai primi posti della graduatoria che verrà stilata, procederemo senz'altro con la costruzione della squadra per la Serie D». 

«È vero –prosegue il presidente Cutrufo - che fra Serie D ed Eccellenza c’è una sola categoria di differenza, ma tra le due serie esiste un divario enorme, sia tecnico che economico. Quindi costruire adesso una squadra per la Serie D e poi di dover giocare in Eccellenza sarebbe uno spreco enorme. Ecco perché dico che per delineare l’assetto tecnico della squadra bisogna attende qualche giorno ancora». 

Nel pomeriggio di ieri, inoltre, c’è stato a Palazzo Vermexio l’incontro con il nuovo sindaco Giancarlo Garozzo, al quale, oltre al presidente dello Sport Club Siracusa, ha partecipato anche il dottor Marco Mauceri, vice presidente dell’Unione sportiva Siracusa che ha in concessione il “Nicola De Simone”per effetto della convenzione decennale stipulata con il Comune. «Abbiamo riscontrato la massima disponibilità del sindaco – ci ha dichiarato Gaetano Cutrufo – a venirci incontro per la disponibilità dello stadio. Alla dirigenza della vecchia società abbiamo chiesto di indicare una formula che Salvoldi e soci ritengano per loro soddisfacente per liberare il tutto e darci la disponibilità dello stadio. E il dottor Mauceri, che era accompagnato dal legale della società, si è riservato di darci una risposta nel giro di pochi giorni. E credo che ci sarà un incontro nel giro di tre giorni, che mi auguro sia risolutivo del problema. «Ho fatto presente – conclude Cutrufo – che abbiamo una certa urgenza di poter disporre del “De Simone”al più presto per poter effettuare gli interventi necessari e più urgenti. E mi piacerebbe poter disputare la Coppa Italia proprio al “De Simone”. In caso contrario, saremmo costretti ad emigrare altrove, almeno per le prime partite ufficiali».


Articolo di Giuseppe Di Silvestro per la Gazzetta del Sud

 
L'intervista ai De Salvo e l'incontro con Garozzo PDF Stampa E-mail
SiraNews - Rassegna Stampa
Scritto da Antonio Fazzina   
Lunedì 08 Luglio 2013 09:53

Gaetano Cutrufo e Antonello Liuzzo lo hanno detto a chiare lettere: «Senza i fratelli De Salvo non avremmo fatto la domanda di ripescaggio per la Serie D». I due giovani imprenditori siracusani hanno avuto un peso specifico enorme nella proposta di rilancio del calcio siracusano. Tanto da indurre presidente e vicepresidente del Siracusa ad andare oltre. «Anche se di fatto siamo ancora iscritti in Eccellenza - esordiscono i fratelli Giancarlo e Gianfranco De Salvo -. Ma abbiamo ottime possibilità di disputare la Serie D viste le tante credenziali che ci portiamo dietro». Tanto simili nell'aspetto per una questione genetica, quanto anche nell'esposizione e negli obiettivi. I De Salvo, però, si differenziano su una piccola cosa: «A me piace parecchio il calcio - dice Giancarlo - a mio fratello Gianfranco un po’ meno. Ma si sta appassionando». Perché i due imprenditori siracusani (il padre si avviò in quello agricolo, i fratelli proseguirono nei carburanti e adesso anche nel turistico) sono animati da propositi importanti: «È da parecchi anni che volevamo occuparci di Siracusa calcio – dicono -, adesso è arrivato il momento giusto perché Cutrufo è la persona giusta. Così come crediamo di esserlo noi». Una sinergia importante. Di intenti, obiettivi e modo di pensare lo sport non soltanto da un punto di vista agonistico: «Ai giovani il futuro si dà con la formazione e quindi con la scuola ma anche attraverso lo sport. E siccome il calcio è trainante se viene fatta in maniera seria e importante trasmette entusiasmo. Noi vogliamo fare calcio partendo da una scuola calcio seria perché le basi stanno lì. Ci siamo sentiti in dovere di fare la nostra parte sperando che molti poi ci vengano dietro». Intanto i fratelli De Salvo sono pronti a partire. Con Cutrufo e Liuzzo, un percorso che sembra simile a quello che intrapresero un decennio fa Salvoldi, Mauceri, Linguanti e Mangiafico: «Hanno fatto cose importanti - dicono i De Salvo - ma adesso non è giusto parlare di questo ma pensare a rilanciare il calcio nella nostra città perché Siracusa potrebbe vivere anche di calcio. La nostra è stata una scelta importante e dispendiosa». Da due fratelli (Gaetano e Graziano Cutrufo) a Gianfranco e Giancarlo De Salvo. E un’unica passione: «Con Cutrufo si parlava già da mesi di questo progetto, lo scorso anno avevamo dato una mano ai ragazzi della Terza categoria perché conosciamo Gaetano Favara e non potevamo vedere Siracusa senza calcio; adesso speriamo che loro si stringano attorno a noi». E allora cosa aggiungere? «Solo forza Siracusa», esclama Gianfranco.            Articolo di Manuel Bisceglie per La Sicilia

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.414243444546474849Succ.Fine»

Pagina 41 di 49
 

Ultime dalla SiraGallery