AREAtusea

Ingresso AREAtusea

1979-1980: lo squadrone e la Coppa Italia PDF Stampa E-mail
SiraStory - Storia del Siracusa Calcio

 Favero e Crippa

(Favero e Crippa nella foto della formazione scesa in campo nella finalissima della coppa italia. Tratto dalla copertina del libro di Nuccio Spada "Azzurro intenso, azzurro sbiadito")

1.Bellavia, 2.Restivo, 3.Favero, 4.Agosti, 5.De Simone, 6.Crippa (cap.), 7.Lorusso, 8.Petraccini, 9.Biagetti, 10.Biasiolo, 11.Ballarin... Allenatore:Facchin forse basterebbero questi nomi a sintetizzare una delle più belle stagioni del calcio siracusano, cos'altro aggiungere? Una squadra che riesce a spostare circa 1500 siracusani fino a Sorrento con 23 pullman e tante auto per regalare una delle più grandi trasferte mai fatte da una tifoseria per una gara di campionato di C2 ( anche se era tempo di elezioni e forse viaggiare costava meno..). Il Siracusa in un solo anno di permanenza in C2 vince il campionato, 17 reti di Ballarin trascinano gli azzurri in terza serie e ciliegina sulla torta arriva il primo trofeo per una squadra siciliana: la coppa Italia serie C, il 17 Giugno 1979 il Siracusa, per l'occasione in maglia granata, batte la Biellese 1-0 con rete all'89° del bomber Ballarin, è festa, o quasi. A funestare quei giorni lieti, che vedono la nascita dei primi ultras siracusani, vi è la morte di Nicola De Simone, che in un grave incidente di gioco sbatte la testa violentemente a Palma Campania, e muore dopo una lunga agonia. Lo stadio viene dedicato alla sua memoria, da quel triste episodio, nascerà l'amicizia con Castellamare di Stabia, città dove lo sfortunato atleta visse per molto tempo. L'anno dopo il Siracusa prova l'impresa della nuova promozione, l'inizio è micidiale in casa non perde un colpo, si giunge allo scontro diretto con la squadra data per favorita dagli addetti ai lavori, chi? Il Catania! Davanti ad un De Simone stracolmo, il Siracusa perde 1-0, inaugurando quella lunga scia di risultati negativi con la più odiata rivale. Il Siracusa non si riprenderà più e terminerà il campionato in una posizione anonima. L'anno dopo una squadra ridimensionata retrocede mestamente in C2.