AREAtusea

Ingresso AREAtusea

Siracusa, via Avola e Palmiteri. Preso Bufalino PDF Stampa E-mail
SiraNews - CalcioMercato
Scritto da Antonio Fazzina   
Mercoledì 18 Settembre 2013 11:50

La clamorosa sconfitta subita dal Siracusa nella prima di campionato tra le mura amiche ad opera del Vittoria ha prodotto un piccolo “terremoto” in casa azzurra. La prima novità è costituita dalla separazione consensuale con il centrocampista Totò Avola e con l’attaccante Gianluca Palmiteri. Da ieri i due non fanno più parte dell’organico della squadra. Avola già nella giornata di ieri ha firmato per il Licata in Serie D, dopo aver avuto il via libera dal presidente Cutrufo ed ha motivato la sua decisione con ragioni esclusivamente personali; quanto a Palmiteri, l’attaccante ha trovato subito sistemazione accasandosi al Serradifalco, squadra che milita nel Girone A del campionato di Eccellenza. In compenso, sono in programma due arrivi, quello di Federico Bufalino e del centrocampista Simone Figura. Il trasferimento in azzurro di Bufalino è stato perfezionato nella serata di ieri, e già da oggi il centrocampista esterno si allenerà con i nuovi compagni di squadra. Bufalino, classe ’89, è una vecchia conoscenza per aver indossato la maglia del Siracusa per quattro campionati: nel 2007-2008 e nel 2008-2009 in Serie D (55 presenze e 6 reti), quindi nel 2009-2010 in C2 (22 gare e 2 gol) e nel 2010-2011 in C1 (23 partite e 3 reti). Lasciato il Siracusa, Bufalino ha giocato prima nel Pavia in C1, e nel campionato scorso ha iniziato con il Taranto ed ha finito con il Riccione, sempre in Serie D. Simone Figura, invece, è un centrocampista classe ’94, siracusano di nascita e cresciuto nelle giovanili del Brescia. Due anni addietro ha giocato nel Palazzolo in Serie D collezionando nove presenze, mentre nel campionato scorso è tornato al Brescia. Essendo elemento svincolato, il tesseramento può avvenire anche dopo, ma la firma dovrebbe arrivare tra oggi e domani.

 Ieri gli azzurri sono rimasti nel chiuso degli spogliatoi per oltre un’ora con l’allenatore Orazio Pidatella ed il direttore sportivo Giovanni Martello. E visto come sono andate le cose, non è difficile immaginare quale sia stato l’argomento della discussione. Il campionato è ancora all'inizio e ci sono tempo e modo per recuperare, anche se lo svantaggio nei confronti del terzetto delle battistrada (Tiger Brolo, Vittoria ed Acireale) si è fatto abbastanza consistente, cinque punti. Ed intanto c’è da preparare la difficile trasferta sul campo del Taormina di domenica prossima.

Articolo di Giuseppe Di Silvestro per la Gazzetta del Sud